Chitarra Acustica

Guitar Club

All Access

BERT LAMS AND FABIO MITTINO, A GREAT NIGHT OF GUITAR


Bert Lams and Fabio Mittino 
Play The Kennett Flash
By Rob Nagy
When guitar master Bert Lams, one third of “The California Guitar Trio,” isn’t performing or recording with his fellow band mates, he can be found immersing himself into creative side projects.
Lams’ latest effort is a series of live performances with Italian guitarist Fabio Mittino. As a follow-up to their 2015 album release “Long Ago,” the duo is planning to return to the studio after the first of the year.
“We have done several tours, Fabio and I, promoting ‘Long Ago,’” says Lams, while on tour with the California Guitar Trio in Phoenix, Arizona. “We are gearing up to record a second album. There is a whole arsenal of pieces that were written for piano with movements that we’ve arranged for the guitar. We have 95% of the songs ready to record. We are going to be presenting a lot of this material on the up and coming tour. So it will be a mixture of a few pieces from “Long Ago” and mostly pieces from the new up and coming album. It’s more fun for us to play some new stuff and work on it as we tour, travel and hear the response from the people.  It all blends really well.”
“Getting out on my own from time to time is very important,” adds Lams. “It started out a few years ago when we had a couple of long breaks with the California Guitar Trio and I wanted to keep busy.  So, I started playing with other artists recording and performing. From there it evolved into whenever I had a couple of months off or a little break. I tried to keep busy doing side projects. It’s very refreshing because I can bring something new to the California Guitar Trio, too. I get excited about some music and I want to play it and if there is an outlet for that, be it the trio or a project with a duo or solo music, I love to do that. I feel grateful that I have each and the means to do that.” 
Studying classical guitar with Monique Vigneron and Albert Sundermann (A. Sundermann was a student of Andres Segovia.) Lams graduated with honors from the prestigious Royal Conservatory of Music in Belgium in 1984. Lams has gone on to conduct workshops and master classes for guitar students in Berlin, Paris, Buenos Aires, Santiago de Chile, Los Angeles, Tokyo and Mexico City.
Lams, along with fellow guitar prodigies Paul Richards and Hideyo Moriya formed the “California Guitar Trio” in 1993. Two decades and 14 albums later the critically acclaimed trio continues to enjoy a flourishing career as one of the most prominent instrumentalists in the world.
“One of the things that really helped us a lot in the early ‘90s is that we were able to open up for King Crimson,” recalls Lams. “We did 130 shows opening up for them and their guitarist Robert Fripp, our friend and mentor, was responsible for giving us that opportunity. We are really thankful for that because that still follows us around. Every night we play there are people that come up to us and say, ‘The first time I saw you guys was opening for King Crimson.’ Those people keep coming back to our shows 25 years later.  They are still there.  It was something that was really great and we can still feel now.”
“None of us specialize in a certain kind of music,” adds Lams. “We each bring unique music to the group. I grew-up with blues and rock music, so did Paul, but I also love jazz and classical music, I studied each of them, but I never became a real live jazz guitar player or a true classical guitar player. I pursued all these different things and I became quite prolific at it. I never felt like I specialized that much. I wanted to assimilate to jazz and classical and make it our own. I think that’s kind of the unique thing about the trio.  We have all these genres that we know but we don’t specialize, we kind of make it our own and kind thing and people enjoy it.” 
“I think the main key to all of it is that we love what we do,” says Lams. “We play the music that we love to play. We’re not catering to a certain crowd or certain genre. All three of us come from different cultural backgrounds. Hideo is from Japan, I’m European and Paul is American and I think this culture difference blends into the trio creating something unique and I think that’s why we can play all these genres and blend it in and give people something that’s different. So we can cater to a wider audience.”
Lams and Mittino begin the New Year with select concert dates in the Northeast, featuring an area appearance at the intimate Kennett Flash.
"Kennett Flash is one of the first venues Fabio Mittino and I performed,” recalls Lams. Since then, I've played there three times with California Guitar Trio, and once with Stick player Tom Griesgraber. It is now one of my favorite venues to play on the East Coast. 
It's run and sponsored by the local community, and has a really great atmosphere. It's cozy and inviting, right in the center of town, and one of the best places on the East Coast to listen to good music. "
To stay up to date with Bert Lams and Fabio Mittino visit www.mittinolams.com

The Musical Box

in performance: fabio mittino and bert lams

fabio mittino and bert lams. photo by danny nguyen.

fabio mittino and bert lams. photo by danny nguyen.

One might understandably picture a packed but still very intimate Frankfort coffeehouse as one of the last places to experience the music of the Russian mystic G.I. Gurdjieff. Then again, Gurdjieff compositions – essentially remembrances and reimaginings of European and Middle Eastern folk and liturgical works – aren’t standard fare anywhere. But as presented last night by Italian guitarist Fabio Mittino and his Belgian-born teacher Bert Lams at the Kentucky Coffeetree Cafe, Gurdjieff’s songs – and those composed by protégé Thomas de Hartmann – were presented as a series of snapshots that represented varying aspects of dance, spiritualism and, quite often, humor.

Making this concert all the more distinct was the fact that Gurdjieff’s music, when it is performed at all, is vanquished to the instrument it was composed for – piano. In the hands of Mittino and Lams, who arranged the music’s deceptively sparse and spacious melodies for guitar, these tunes were folkish miniatures – quiet, reflective bursts of acoustic music that seldom drifted past the three minute mark. As such, the duo packed 19 songs into a set that ran just over an hour. But efficiency proved one the more appealing aspects of this music. Melodies would capture an ancient ambience, a bit of Eastern intrigue or a rich spiritual cast with remarkable accessibility and then vanish.

The show opening Mazurka, for instance, was built around a spring-like melody spearheaded by Mittino that indulged in a delicate, dance-like setting for about 90 seconds and then was done. The Eastern European dance cast of Song of the Fisherwoman and its more mischievous musical cousin Mamashabarely clocked in at a minute in length, yet their senses of expression sounded remarkably complete.

The two broke away from the Gurdjieff/de Hartmann canon only briefly during a quick encore segment. There, Mittino indulged in a quiet but richly harmonic original tune, In the City of K, while Lams reaffirmed his stance as a classical scholar with an unhurried and unassumingly confident reading of Bach’s Prelude from Cellosuite.

The bulk of the program, though, set its compass to a different land altogether, to music of quiet, exotic serenity. What a lovely sound to set against the dead of winter.

LeXgo

Strumenti Musicali

Sea Of Tranquillity

Mittino, Fabio & Bert Lams: Long Ago

The backstory to the new album titled Long Ago by Bert Lams (California Guitar Trio) and Italian guitarist Fabio Mittino is an interesting one. A long time ago (early 1900s) Russian philosopher George Ivanovich Gurdjieff had a knack for remembering songs. As he traveled in Asia and the Middle East he heard hundreds of pieces, mostly religious and folk music. Many years later he hooked up with Russian composer Thomas De Hartmann and recorded more than three hundred pieces, based upon the songs he heard in his travels years earlier. Fast forward to present day and the meeting of Lams and Mittino who were first introduced to each other in 1998 by none other than Robert Fripp.

 

Long Ago is based upon the music of Gurdjieff-de Hartmann. For the album the duo used vintage acoustic guitars from the '30s which I presume gives a more accurate depiction of the music found within. Kurdish, Armenian, Hindu and Arabic melodies are represented here, all played quite beautifully. The tunes are short with none over the four minute mark. The soundscapes are gentle and fluid with only two guitars so the music has a minimalistic feel and their sense of space is exceptional. There is a nice flow to the album which is impeccably played by two guitarists who clearly have a passion for their craft. The notes are clear and concise and the melodies always just an arpeggio or two away. The arrangements are truly impeccable; there is no doubting the artist's respect for this project.

 

For fans of acoustic guitar of a more gentle nature you cannot go wrong with Long Ago. An independent release so by all means show your support.

Friends4arts Magazine

la Repubblica - TuttoMilano

Strumenti Musicali

Guitar Club

TramTram

Il Punto

AndyMag

FABIO MITTINO

Fabio Mittino chitarrista di talento è production manager di grande esperienza e booking coordinator del Blue Note di Milano. 

mittino_head

E’ uno di quei creativi che amiamo ricercare e intervistare. Per Fabio Mittino, laureato in Scienze della Comunicazione con studi classici e una formazione organizzativa in ambito musicale tutta fatta all’interno del Blue Note di Milano, “un grande svantaggio può diventare un grande vantaggio” una lezione di sano ottimismo in un momento di incertezza quale quello che stiamo vivendo. 
Grande appassionato del Giappone, Fabio ha scoperto la chitarra a 13 anni da allora non l’ha più lasciata formandosi con Robert Fripp e il chitarrista belga Bert Lams con cui oggi ha un progetto in duo. 

Fabio come è nata in te questa grande passione per la musica? 

a bambino mi ha sempre affascinato la chitarra. Era appesa in taverna ed era di mio nonno, l’unico musicista della famiglia (suonava la fisarmonica): talvolta la suonavo, pizzicando le corde a vuoto, cercando di creare qualche melodia. E poi la suonava anche Actarus di Goldrake, per cui non poteva che piacermi. Intorno ai 13 anni rimasi ammaliato da un concerto al Bobinò di George Brassens trasmesso su Antenne 2, che fortunatamente fu registrato dai miei genitori. Chiesi a mio papà di comprarmi gli spartiti con gli accordi e spinto dal desiderio di suonare quelle canzoni riuscii nel giro di una notte ad imparare le parti di chitarra. Da lì cominciò tutto.  

Tu al momento sei Artist & Production Manager, Booking Coordinator del mitico Blue Note di Milano. Come hai raggiunto questo importante traguardo e in che modo scegli gli artisti da far esibire in questo locale? 

Intorno ai diciotto anni decisi di andare in Inghilterra a studiare con Robert Fripp nei suoi corsi di Guitar Craft, che mi proiettarono in giro per il mondo insegnandomi una disciplina di vita che tutt’oggi seguo e mi aiuta nel lavoro. Nelle varie pause tra un tour ed un altro decisi, dopo essermi laureato, di non voler fare il turnista ma di concentrarmi su un progetto musicale personale e possibilmente originale. Decisi così di trovare un lavoro part time. Il Blue Note aveva aperto da poco e mi assunsero in biglietteria. Dopo circa due mesi mi occupai delle biografie degli artisti, della grafica e gestione del sito internet, poi del backline e circa due anni dopo di tutta la produzione, dai contratti, alla Siae, all’hospitality, trasporti, fornitori, gestione degli artisti etc. Il BN è un club che non riceve sovvenzioni pubbliche, frutto della passione di alcuni soci che hanno deciso di investire tempo e denaro nella realizzazione di questo locale, per cui il booking, fatto da più persone e in collaborazione con BN New York, deve rispettare precisi parametri, quali l’eccellenza della proposta artistica, compatibilità delle esigenze del musicista con le nostre e una componente di rischio economico più bassa possibile. Alcune volte ci sono artisti che esulano un po’ da questo standard, ma di solito sono quelli che garantiscono maggiore introito e permettono così al BN di proporre concerti artisticamente molto validi ma poco seguiti dal grande pubblico.  

Non dimentichiamoci però che tu prima di tutto sei un musicista e attualmente suoni con Andy, ex tastierista dei Bluvertigo, nel gruppo FLUON, e collabori anche con i Rezophonic. Come si vive questa sorta di bipolarismo, ossia essere organizzatore di concerti e musicista al tempo stesso. In quale ruolo ti senti più a tuo agio? 

Penso sia una fortuna avere avuto modo di imparare così tanto sia in un campo che nell’altro, e questo mi permette di capire facilmente cosa funziona e cosa no. Dal punto di vista organizzativo ne ho tratto benefici. Le agenzie spendono tantissimo nella produzione di concerti che potrebbero essere fatti con un quarto di quei soldi, facendo lievitare i costi per i promoter, riducendo le paghe degli artisti e facendo talvolta chiudere in perdita sia l’agenzia che il locale, anche dopo un sold out! Così ci si affida poi ai festival e si cerca di spennare il più possibile i comuni per permettersi questa inefficienza organizzativa e alcuni lussi di fatto non necessari. Con FLUON viaggiamo solo noi, abbiamo progettato tre flight case che si assemblano insieme creando una postazione fissa dove abbiamo tutti i nostri strumenti. Al fonico diamo sostanzialmente solo due cavi, Left & Right, per il resto non abbiamo bisogno di nulla, se non della corrente! 

Ho letto che per anni ti sei anche occupato di marketing, e che infatti ti sei laureato in scienze della comunicazione. Come mai hai deciso di mettere da parte questo tipo di carriera? E’ un settore ormai un po’ inflazionato, vero? 

Dopo il Liceo Classico non sapevo cosa fare, se continuare gli studi o dedicarmi esclusivamente alla chitarra. Mi diedero al Guitar Craft un prezioso consiglio: percorrere entrambe le strade, fino a quando sarebbe stato chiaro quale delle due continuare a seguire. Scienze della Comunicazione mi sembrava l’indirizzo più indicato, se non altro perché potevo fare un anno all’NYU in America e non mi sembrava fosse molto difficile! Non so come ma alla fine mi laureai a 23 anni con ottimi voti, e anche se paradossalmente i primi soldi riuscii a guadagnarli con l’attività più rischiosa, quella del musicista, sono molto contento di aver fatto l’Università e mai tornerei sui miei passi. 

Hai anche collaborato con l’istituto Lexis Psycholinguistic Research per la realizzazione di filmati e di modelli matematici 3D per presentazioni pubbliche e sviluppo di una metodologia esclusiva finalizzata al monitoraggio delle reazioni analogiche del consumatore a stimoli audiofonici e visivi... Interessante! Di cosa ti occupavi esattamente? 

La società in questione si occupava di correggere pubblicità fallimentari con l’ausilio della psicolinguistica. Ne avevo sentito parlare in Università dal mio docente di Microeconomia. Così dopo la Laurea riuscii ad entrare come stagista per capire un po’ come funzionava. Mi occupai poi del messaggio audio, facendo all’inizio goffi esperimenti di psicoacustica, per poi affinarmi con la pratica. Mi specializzai anche nelle presentazioni del sistema, lavorando su un software per modelli 3d che imparai ad usare. 

Fabio, sei davvero un personaggio interessante e pieno di sorprese. A questo punto voglio chiederti quali sono le tue passioni e hobby al di fuori del lavoro...immagino che tu ne abbia tante.

Ho una passione per il Giappone, in particolare per i giocattoli e telefilm di mostri e attori in costume. Più basso è il budget di realizzazione di questi film, maggiori sono gli stratagemmi per rendere credibili gli effetti speciali: i risultati sono spesso ridicoli, ma io apprezzo tantissimo! Ho una vera cultura a riguardo anche per i giochi degli anni ’80, Masters, Transformers etc. Sono un vero e proprio nerd in questo senso, e alcune volte mi faccio un po’ paura per il livello esagerato di nozionismo al quale sono arrivato. 

Ti potresti definire un creativo, un artista? Non ti sembra che negli ultimi anni ci siano in giro molti più pseudo artisti che operai? Secondo te a cosa è dovuto questo cambiamento nella società? Si ha un disperato bisogno di esprimersi o non si ha più voglia di lavorare? 

Mi sento semplicemente un artigiano della musica, senza quella connotazione magica e romantica del musicista in diretto contatto con le Muse. Non raggiungerò mai la perfezione, ma quanto meno posso scegliere di servirla. Sono d’accordo con te nel notare di quanti “artisti” ci siano, alcune volte la cosa mi fa un po’ ridere. Penso sia dovuto molto ai messaggi televisivi dei vari reality. L’utilizzo a sproposito ed in contesti errati delle parole “talento, musica, emozioni, tecnica” , l’esaltazione dell’emozione, frasi ormai divenute cliché, come “la musica è tutta la mia vita”, giudizi basati sul “mi piace, non mi piace” hanno in un certo senso condizionato ed illuso molte persone. Non voglio comunque giudicare male chi tenta la strada della carriera musicale attraverso questi canali. L’amica Giusy Ferreri era nel mio stesso liceo ed era brava e particolare in quel suo modo di cantare allora come oggi, X Factor le ha dato meritatamente voce. Riguardo alla voglia di lavorare, penso ci siano molte persone, specialmente nella musica, troppo impegnate a dire cosa vorrebbero fare di quanto in effetti fanno.

Quali sono i sogni che vorresti ancora realizzare, se ne hai, dato che nella tua vita ne hai già fatte di tutti i colori! 

Non credo di aver fatto così tanto. Vorrei continuare a migliorare come persona e musicista e far crescere i progetti che mi stanno più a cuore: FLUON e il duo acustico con il chitarrista belga Bert Lams. Insieme suoniamo le mie trascrizioni della musica di Gurdjieff/DeHartmann, suonata originariamente al pianoforte. E’ un grande onore per me suonare con Bert (Bert Lams chitarrista belga n.d.r.), all’inizio mi fece lui da “tutor” con Robert Fripp, e lo considero tutt’ora uno dei miei maestri. Vorrei poi continuare a costruire e realizzare svariate cose, da una famiglia a un costume di Batman. Non necessariamente in quest’ordine. 

E se Fabio dovesse morire domani per poi rinascere? Credi di aver vissuto come avresti voluto? Cosa cambieresti tornando al mondo? Sei stata una brava persona? 

La sola acquisizione dell’abilità e della saggezza necessaria per poter effettivamente cambiare qualcosa nella propria vita sarebbe già un risultato eccezionale. Spesso chi siamo contrasta con quello che vorremmo, o peggio, crediamo di essere. E’ difficile essere spietatamente sinceri con se stessi: spero di conoscermi abbastanza bene da poter ora affermare, in completa sincerità, di aver vissuto limitatamente alle mie capacità e di aver agito raramente contro coscienza.

 

Guitar Club